Logo IberGourLogo IberGour
 
italiano | Contattaci | Aiuto
Icona del Carrello Il mio Carrello
Produzione di Prosciutto Iberico nella Spagna (Jamon Serrano)

Produzione del Prosciutto Iberico nella Spagna

Prosciutto Iberico in vendita su IberGour

Spalla di Jabugo iberica di bellota 5J Cinco Jotas
Spalla 5J Cinco Jotas Bellota 161,57 € spalla da 4,5 kg
Stock: 54 spalle vedere tutti i pesi
intera (con l'osso), disossata o affettata
 
Spalle Iberica
Intere (con osso), disossate e a fette
Prosciutto iberico di bellota Joselito Gran Reserva
Prosciutto Joselito Gran Reserva Bellota 634,44 € prosciutto da 8,25 kg
Stock: 4 prosciutti vedere tutti i pesi
intero (con l'osso), disossato o affettato
 
Prosciutti Iberici
Interi (con osso), disossati e a fette

Per raggiungere la massima qualità dei prosciutti è fondamentale che il maiale sia di razza iberica, che sia alimentato con le ghiande nell'ecosistema della dehesa, che le cosce siano elaborate in modo artigianale, e che vengano stagionate in essiccatoi naturali.

In questa pagina...


La razza del maiale iberico

Maiale iberico
Maiale iberico

Il maiale iberico è un animale dalla pelle scura, il pelo scarso, muso affilato e zampe fine e lunghe. Questa razza ha la caratteristica genetica di poter stoccare il grasso nel suo tessuto muscolare, che è la chiave dell'inconfondibile sapore e consistenza dei prosciutti iberici.

I prosciutti iberici sono caratterizzati dalla loro forma allungata e slanciata. La loro unghia è di color scuro con la carne che va dal rosa al rosso porpora. La consistenza è leggermente fibrosa e il grasso brillante, fluido e morbido al tatto.

Alimentazione e pascoli nella "dehesa"

Pascoli nella dehesa
Pascoli nella dehesa

La dehesa è formata da vasti boschi chiari di lecci e sugheri, in cui abbondano anche le erbe aromatiche come il timo e il rosmarino. Questo habitat, di cui ha sempre fatto parte il maiale iberico, offre agli animali un'alimentazione ricca ed equilibrata che risulta essere chiave per la qualità organolettica della loro carne.

La dehesa è uno degli ecosistemi meglio conservati d'Europa in cui convivono specie d'allevamento come il maiale iberico, la capra merina, i bovini retinto, con altre selvagge come il cervo, il cinghiale, il coniglio, la lepre, il gatto selvatico, l'aquila imperiale, l'avvoltoio nero, la gru, il ramarro.

L'alimento di base del maiale iberico è la ghianda (frutto dei lecci e delle querce da sughero), completato con l'erba dei pascoli, le legumi silvestri ed i frutti delle graminacee. Il consumo del maiale varia in funzione del suo peso, ma di media si considerano da 6 ai 10 kg al giorno per animale, oltre a circa 3 kg d'erba al giorno. In questo modo, considerando che l'ecosistema della dehesa ha una superficie limitata e che non vi sono più di 50 querce per ettaro, la produzione del maiale iberico si limita ad un po' di più di un milione di teste.

Stagionatura e maturazione

Prosciutti durante l'invecchiamento in una cantina
Prosciutti durante l'invecchiamento in una cantina

L'introduzione delle nuove tecnologie ed i controlli sanitari hanno elevato la qualità dei prosciutti, ma continua ad essere imprescindibile l'esperienza e la capacità dei maestri, eredi di una tradizione tramandata da padre in figlio da più di cent'anni.

Il processo d'elaborazione è composto da 4 fasi:

  1. Salatura e lavaggio
  2. Riposo
  3. Essiccatura e maturazione
  4. Invecchiamento

Salatura e lavaggio. Dopo aver sacrificato i maiali, i prosciutti vengono ricoperti di sale marino per una settimana o dieci giorni, secondo il peso. La temperatura della camera può oscillare tra 1º e 5ºC, e una umidità relativa in genere del 80 o 90%. Trascorso questo tempo, i prosciutti vengono lavati con acqua tiepida per eliminare il sale dalla superficie.

Riposo. Le cosce lavate si lasciano dai 30 ai 60 giorni nelle camere ad una temperatura che oscilla tra i 3º ed i 6º C e una umidità relativa dell'80 o 90%. Durante questo tempo il sale si distribuisce in forma uniforme su tutta la coscia, per favorire la sua disidratazione e conservazione. Trascorso questo tempo le cosce aumentano in modo considerevole la loro consistenza.

Essiccatura e maturazione. In questa fase i prosciutti vengono trasferiti in un essiccatoio naturale nel quale l'umidità e la temperatura sono controllati principalmente mediante dei meccanismi di ventilazione. La temperatura oscilla tra i 15º ed i 30º durante i 6 - 9 mesi che dura l'essiccatura. Durante questo tempo, il prosciutto continua a disidratarsi e trasuda (diffusione del grasso tra le fibre muscolari che dopo averle impregnate consente di trattenere l'aroma). Il sapore finale e gli aromi cominciano a generarsi in questa fase, grazie ad una serie di alterazioni che si producono nelle proteine e nei grassi del prosciutto.

Invecchiamento. I prosciutti sono appesi nelle cantine non meno di 6 mesi e sino ad un massimo di 30. La temperatura può oscillare tra i 10º ed i 20ºC, e l'umidità relativa si attesta tra il 60 e l'80%. Durante questo tempo proseguono i processi biochimici iniziati durante la stagionatura e quelli in cui interviene la flora microbica, che conferiranno l'aroma peculiare ed il sapore finale.

Controllo della qualità

Etichette della
D.O. Dehesa de Extremadura

Etichetta della qualità Bellota
Qualità Bellota
(alimentato solo con ghiande)
massima qualità
Etichetta della qualità Cebo de Campo
Qualità Cebo de Campo
(mangimi autorizzati)

Il Consiglio Regolatore di ognuna Denominazione d'Origine realizza un rigido controllo durante tutto il processo produttivo.

In primo luogo, il Consiglio s'incarica della marchiatura e identificazione dei maiali nel campo e controlla la loro alimentazione nel regime di montanera. A continuazione, segue il sacrificio degli animali identificando le cosce con un'etichetta indelebile numerata in modo da poter controllare tutto il processo di maturazione dei prosciutti e delle spalle.

Tra gli altri controlli realizzati vi è quello della concentrazione salina durante la salatura, i tempi minimi di permanenza nell'essiccatoio ed i tempi minimi di permanenza nelle cantine per l'invecchiamento.

Alla fine di questo processo, che non sarà mai inferiore ai 20 mesi per i prosciutti e 12 mesi per le spalle, il Consiglio Regolatore procede direttamente a qualificare ed etichettare i prosciutti e le palette prima della loro immissione sul mercato. L'etichettatura (vedere l'immagine di destra) permette di distinguere i prosciutti in funzione della loro qualità. Al riguardo esistono 2 diverse classifiche:

Qualità Bellota: L'animale entra in montanera con 80/105 chili, e recupera circa il 60% del suo peso d'ingresso mangiando ghiande ed erbe.

Qualità Cebo de Campo: L'animale si alimenta in regime estensivo con mangimi autorizzati dal Consiglio Regolatore e dai pascoli della "dehesa".

Le etichette possono anche far riferimento alle caratteristiche genetiche dell'animale, facendo la distinzione tra Maiali 100% Iberici (puri), e Maiali Incrociati (con almeno un 75% di sangue iberico).

Tutte le aziende e le industrie implicate nel processo d'elaborazione del prosciutto sono iscritte nei corrispondenti registri del Consiglio Regolatore.

Controllo della qualità dei prodotti privi di Denominazione d'Origine

Attualmente, lo Stato delega i compiti d'ispezione e controllo a delle ditte private. Qualsiasi produttore che desideri etichettare i suoi prosciutti come "iberici" dovrà rivolgersi a una di queste ditte e superare i controlli previsti, sia o non iscritto in una D.O.

Anni fa, l'etichettatura dipendeva dal risultato delle analisi svolte su dei campioni presi nel mattatoio. Tale analisi non erano sufficientemente affidabili perché alcuni mangimi venivano elaborati in modo tale da consentire che la percentuale di acidi grassi fosse simile a quella fornita dalla ghianda (includendo per esempio la soia).

Il metodo attuale, comunque, è anche non perfetto. Come succede per gli auditing esterni delle grandi aziende, queste ditte d'ispezione devono controllare i loro propri clienti e produttori. Visto che si tratta di un mercato molto piccolo e concentrato, con solo una dozzina di grandi produttori, perdere un cliente importante può avere una grande ricaduta sul fatturato della ditta di certificazione.

Zone di produzione ed elaborazione

Principali zone d'elaborazione del prosciutto iberico in Estremadura
Principali zone d'elaborazione del prosciutto iberico in Estremadura:
  1. Sierras del sud ovest di Badajoz
  2. Ibor e Villuercas
  3. Gredos Sud
  4. Sierra di Montánchez
  5. Sierra di San Pedro

In Spagna vi sono 4 zone in cui si produce il prosciutto iberico con denominazione d'origine: Estremadura, Guijuelo (Salamanca), la Sierra de Huelva (dove si trova la località di Jabugo), e Los Pedroches (Córdoba).

Nell'Alentejo (Portogallo) troviamo altre grandi superfici di dehesas, che sino a poco tempo fa non venivano molto utilizzate. Nel 1996 è stata creata la Denominazione d'Origine Protetta Presunto de Barrancos per prosciutti di maiali iberici autoctoni, della razza chiamata "alentejano". Questa razza è considerata una della più pure tra quelle iberiche, grazie all'isolamento vissuto durante gli ultimi secoli.

L'elaborazione dei prodotti iberici è particolarmente estesa in tutta l'Estremadura, trasformando questa regione nella principale produttrice nazionale. Vi sono quasi un milione d'ettari di dehesa che sono usati da 1500 aziende d'allevamenti.

Le principali zone d'elaborazione si ritrovano sulle sierra del sud ovest di Badajoz (1), Ibor e Villuercas (2), Gredos Sur (3), Sierra de Montánchez (4) e Sierra de San Pedro (5). In questi comprensori hanno sede anche la gran parte delle industrie d'elaborazione attualmente attive.

Anche a Teruel si produce un prosciutto di qualità, benché non sia elaborato con maiali iberici ma da maiali bianchi (discendono per linea paterna da animali della razza Duroc e da madri incroci delle razze Landrace e Large White).

Maggiori informazioni sul Prosciutto Iberico

Consumo, taglio e conservazione del prosciutto iberico

Altre informazioni...

Vedere anche

Prosciutto iberico di bellota in Spagna

In vendita su IberGour

Condividi: Whatsapp Facebook Twitter

Costi di spedizione
Prodotti
Vendita a Ristoranti
Siti IberGour :   Spagna  |  Francia  |  Regno Unito  |  Germania  |  Italia  |  Austria  |  Belgio  |  Irlanda
Visa, Master Card, American Express, PayPal Marca de aceptación de PayPal
Av. Ventura Gassol 13 bajos - 08901 L'Hospitalet de Llobregat (Barcelona, Spagna). CIF: B64132772
© 2005-2016, IberGour · Avviso Legale